lunedì, febbraio 12, 2007

Vogliono rendere dementi i bambini casinisti!

Sono i più casinisti della classe. Vere pesti che fanno impazzire le maestre, perché sono troppo intelligenti e sanno scaccolarsi, lanciare aeroplanini e rispondere ad un'interrogazione: il tutto in contemporanea. Beh, hanno trovato il modo per far soldi sulla loro pelle, chiamandoli
"ipercinetici", sguinzagliando per le scuole i nuovi spacciatori (gli psichiatri) col fine di renderli dementi, tranquillizzare educatori e genitori e far fare un sacco di soldi a Big Pharma. Vi piace così? Basta drogarli. O meglio somministrare loro il Ritalin, un farmaco derivato dalle anfetamine e che puo' sviluppare dipendenze peggiori della cocaina. Ma tutto col consenso informato dei genitori. Gli USA, un paese notoriamente rincoglionito sta contando circa 7 milioni di questi neodrogati, anzi, diagnosticati come ragazzini da psichiatrizzare. E prima si drogano, meglio è, visto che le diagnosi dei sedicenti psichiatri o meglio spacciatori partono fin dal primo anno di vita. La droga, o meglio, il farmaco, usato per sballarsi fin dagli anni 70 nelle comunità hippies sta portando soldi a palate nelle casse di Big Pharma e dei suoi medico-spacciatori, i quali se ne infischiano se stanno allevando generazioni tossiche nel rispetto della legalità.

In questi giorni il direttore dell'Agenzia Italiana del Farmaco, ha annunciato che la casa produttrice del Ritalin ha terminato le procedure di registrazione e l'Agenzia Italiana del Farmaco si è impegnata a pronunciarsi in merito entro la fine di febbraio. Tutti i bambini sottoposti a terapia farmacologica per la sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), saranno iscritti nel Registro Nazionale che dovrebbe garantire che i minori siano trattati in appositi centri regionali già individuati e selezionati.

Il Ritalin, è un'amfetamina, i suoi effetti possono essere paragonati a quelli della cocaina, nonostante ciò viene somministrata a bambini, nell'illusione di correggere problemi comportamentali. (E a te ti mettono in galera per 2 canne...)


Si può fare qualcosa contro il rincoglionimento pianificato dei nostri piccoli? Certo:

DOCUMENTARSI SULLA DROGA RITALIN:

+ perché è un tantino pericolosa

+ perché è bene saperlo anche in italiano

+ e su un'enciclopedia che tutti amiamo

+ o per gli amanti dell'oggettività sul sito "oggettivo" del NIDA

+ occorre saperne qualcosa anche della sindrome appioppata al bambino casinista

+ considerando che "verba volant, scripta..."

+ ricordandosi sempre che lavoriamo per proteggerli

ma che in ogni caso la terapia (ricordate depressione, droghe, anoressia?) i farmaci non servono a nulla! è dimostrato anche con il ritalin.

FIRMARE LA PETIZIONE

BOICOTTARE LA PSICHIATRIA DELLO SPACCIO
E QUELLA DELL'ELETTROSHOCK

GUARDARVI IL FILMATINO "NO RITALIN"

___________________________________________________

Il nostro sistema di salute mentale ha il dovere di escludere ogni possibilità di abuso, frode o morte che possano derivare dai trattamenti psichiatrici o dall'uso di potenti psicofarmaci sui bambini. Dovrebbe invece promuove la ricerca di vere soluzioni, che peraltro esistono, e proteggere il diritto inalienabile di essere educati senza l'uso di psicofarmaci. Se tuo figlio è stato sottoposto a questionari psicologici o psichiatrici, test, valutazioni o programmi psicologici senza il

tuo consenso, o conosci qualcuno che ha subito danni in seguito a diagnosi e/o trattamenti psichiatrici contatta il:

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus
Tel.: 0236510685
Email: linea.stampa@ccdu.org
sito: www.ccdu.org - www.cchr.org

10 commenti:

amoleapi ha detto...

noi no, però qui nella bassa friulana lo prescrivono come l'acqua il ritalin, e i genitori poco intelligen ti lo danno ai figli, il problema è che gli psicofarmaci producono modificazioni permanenti nel cervello di chi li usa bimbi e grandi! di noi in ospedale si sono stupiti perchè abbiamo detto che mai abbiamo usato e useremo psicofarmaci, valium e c., perchè lo fanno tutti evidentemente, anche i miei genitori

Alessio ha detto...

Ho visto che hai lasciato un commento sul mio blog. Se mi linki (anche in un post) lo farò anch'io in questa pagina http://alessios4.blogspot.com/2006/10/grazie.html
che ha pagerank 2 come questo blog :)

Metodo alla salute ha detto...

noi a foggia stiamo in un centro di medicina sociale dove non si usano psicofarmaci da 30 anni, ma non così a caso! c'è un metodo dietro che esiste da 40 anni, si chiama Metodo alla Salute. venite a visitare il nostro blog www.metodoallasalute.blogspot.com vi metto tra i nostri link.
è ora disponibile anche una bozza del nostro sito http://metodoallasalute.ilbello.com da noi viene gente da tutta italia, e guariscono veramente, non solo depressi, parlo anche di schizofrenici ritenuti incurabili da anni! l'ho visto con i miei occhi e non sto qui per fare pubblicità perchè tra l'altro è un servizio pubblico quello di cui vi parlo e non ci guadagna niente nessuno oltre gli stipendi normali. insomma, io ve ne parlo perchè ho visto realmente che un'alternativa c'è. ora siamo in ancona e a foggia, se volete venirci a trovare basta che chiedete nel nostro blog e saremmo felici di ospitarvi e farvi conoscere questa realtà: è un'alternativa concreta a "big pharma".
vi aspetto, luna

SignoraLuna ha detto...

"se hai un minimo di stile"
"No...no...è l'espressione. Non è l'argomento, non è l'argomento, non è l'argomento...è l'espressione...Ma come parla...
- Kitch! Dove le andate a prendere queste espressioni, dove le andate a prendere...
- Io non sono alle prime armi.
- Alle prime armi...ma come parla?
- Anche se il mio ambiente è molto "cheap"
- Il suo ambiente è molto...?
- E' molto "cheap".
- Ma come parla?
- Senta, ma lei è fuori di testa!
- E due. Come parla! Come parla! Le parole sono importanti. Come parla!

palombella rossa

falcio_e_martello ha detto...

Se hai un minimo di stile e di cervello, lo dici a tua sorella.
Detto questo sì, il ritalin è una droga legale che non serve a niente e sì, è da sempre che dico che la sindrome ipercinetica così come tutte le sindromi diagnosticabili non esistono in senso assoluto.
Fermo restando questo, ci sono miriadi di droghe psicotrope o presunte tali, legali e che causano dipendenza: benzedrina,caffeina,antidepressivi vari, nicotina,alcuni antidolorifici e anti-infiammatori hanno dei derivati della cocaina che creano dipendenza.
C'è l'imbarazzo della scelta e non finisci neppure in galera.

socioweb ha detto...

Utilizzate il sistema dei ringraziamenti di Alessio che dal suo bellissimo blog d'informazioni lo fa con un simpatico video.

socioweb ha detto...

Mamma mia! lo so, lo so era un messaggio perentorio e cafonesco, dettato dalle troppe aspirine ingurgitate. Me ne scuso sinceramente.

serena ha detto...

Sugli psicofarmaci faccio solo una riflessione: se funzionassero, ce ne sarebbe sempre meno bisogno (ovvio no? se trovi la cura per una patologia, i casi nel tempo diminuiscono), invece la popolazione mondiale pian piano sta finendo TUTTA sotto psicofarmaci, e si cronicizza... Multinazionali del petrolio, delle armi, dei farmaci... e banche... sono una sola tribù cannibale. Quando poi ci avranno uccisi o rincoglioniti tutti che mangeranno?

Darkgianlu ha detto...

Sono contento delle tue parole, anche se molto di parte. A mio parere tutta la psichiatria attuale è una falsa messa in atto per fare soldi e controllare la devianza. Non esiste nessuna evidenza che quella che chiamano malattia mentale sia una malattia, è solo un modo diverso di vivere che può procurare sofferenza, o in te o negli altri. Tutte le persone vogliono vivere bene, ma non è necessario per questo dir loro che sono malate per aiutarle. La sofferenza è parte intrinseca della condizione umana.
Detto questo vi invito a leggere Szasz, Cooper e Laing, e visitare questi siti:
http://www.oism.info/index.htm
http://www.szasz.com/
http://www.mindfreedom.org/
http://www.nopsych.it/index.html

Buon viaggio nello schifoso mondo della psichiatria...

Maria Dragoni ha detto...

Sono completamente d'accordo che gli psicofarmaci vengono usati sconsideratamente e sono dannosi quanto la droga,poi darli ai bambini,perché vivaci é un'atto soppressivo,certe realtà vanno fatte sapere,per aiutare la società,ci vorrebbero molti centri di diffusioni di simili problemi che vengono sottovalutati,saluti,Maria